Per insegnare yoga, nessuna certificazione

Per insegnare yoga, nessuna certificazione

pubblicato in: Articoli Francesco Musso | 0

In Italia, ad oggi, non esistono dei parametri fissi stabiliti dalla legge per diventare un insegnante di yoga.

Chiunque può insegnare yoga senza aver frequentato alcuna scuola.

Di legale non c’è nulla, si può insegnare yoga senza diploma, attestati o certificazioni varie.

Il discorso è ETICO non istituzionale.

L’insegnamento dello yoga dev’essere Sincero e provenire più dalla spiritualità che dal mondo della palestra o del fitness.
Se non c’è dietro una formazione specifica fatta negli anni e continua nel tempo…non si saprà mai cosa insegnare e gli allievi non seguiranno quegli insegnanti.

Ad oggi sta passando un messaggio, a mio avviso, errato ed equivoco con la sola finalità di far soldi.

Il messaggio è che per insegnare yoga devi frequentare scuole che ti rilascino certificazioni necessarie all’insegnamento.
Questi insegnanti o scuole prevedono corsi di 2 o 3 anni COSTOSISSIMI, con lo studio di materie che nulla hanno a che vedere con lo yoga, ma che servono a giustificare quegli anni d’insegnamento…tutto fa brodo come si dice dalle mie parti.
(Che poi a volere proprio essere pignoli lo yoga è un percorso di vita, non lo insegni dopo 2 anni di corso…)

I consigli che posso dare a chi desidera fare yoga o anche insegnarlo sono…

1) Diffidate da chi vi dice che per insegnare yoga occorre una certificazione specifica, specie se poi vi propone corsi di formazione nella propria scuola.
Esibire la propria certificazione in locandine, promo, internet, banner e quant’altro non ha alcun valore.

2) Provate vari posti e incontrate diversi istruttori con cui praticare yoga, così da potere avere termini di paragone e trovare da soli quello che più risuona in sintonia con la vostra persona e non con il vostro portafoglio.

3) Siate CURIOSI e non fermatevi mai a  quello che vi vien detto, anche dal vostro insegnante… seguite e sperimentate su voi stessi gli effetti di ciò che vi viene proposto.

4) Abbiate “L’Ardire” ed il desiderio di volere incontrare i MAESTRI DI YOGA, che non sono ne insegnanti ne istruttori (sono oltre…) ma che arricchiscono tali figure con il loro sapere, per diffondere lo Yoga nella giusta maniera, con la corretta etica e spiritualità, e con il rispetto nei confronti della persona.

Giada Staffetta

Lascia una risposta