25 Novembre – Primo Percorso di Shiatsu Sistemico Relazionale

pubblicato in: Articoli Blog, Formazione | 0

Formula weekend

Il Percorso formativo della nostra scuola condivide l'impostazione con le altre scuole italiane per cui utilizza la formula week end per condurre l'allievo al completamento del suo iter formativo. Questa formula permette e agevola anche chi svolgendo un lavoro vuole la possibilità di potersi formare e vivere il mondo dello shiatsu. 

Le lezioni si terranno il Sabato dalle ore 15.00 alle 20.00 e la Domenica dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 19.00

Formula Flex

La formula flex consiste nella possibilità di iniziare i corsi in qualsiasi momento dell'anno.

Le lezioni si svolgeranno infrasettimanalmente con workshop di 5 ore ciascuno e per un massimo di 4 workshop al mese.

Numero minimo di partecipanti da 2 a 8

Nella formula flex, il monte ore si riduce del 30%, sulle lezioni frontali, rispetto al monte ore classico della formula weekend, dato che il basso numero di partecipanti  riduce i tempi delle ripetizioni delle pratiche

 

Cosa imparerai nel Primo Percorso shiatsu

Ti servirà sapere che l’insegnamento in Accademia siciliana shiatsu è soprattutto incentrato sul saper fare, quindi il primo percorso come del resto tutto il percorso d’apprendimento è basato sulla pratica, la metodologia usata è induttiva, cioè prima si sperimenta e poi si evincono dalle esperienze attraverso i feedback le regolarità teoriche.

L’insegnamento è basato sull’apprendimento di diversi Modelli culturali della Realtà e  di due forme di trattamento codificate che veicolano da sole innumerevoli principi, il termine che indica queste forme in giapponese è la parola “Kata”.

I due Kata, sequenze di pratica, che imparerai in questo percorso si chiamano:

HOKO NO KATA 

forma grazie alla quale si impara:

  1. ad assimilare il principio base dello shiatsu, cioè per effettuare pressione non si usa la forza derivante dalla contrazione muscolare, ma si rilascia il peso, in gergo tecnico lo si abbandona sul ricevente.
  2. l’uso del corpo per spostarsi e pressare (attraverso la posizione del gatto)
  3. l’uso del primo strumento pressorio, il palmo delle mani.
  4. la forma corretta di respirazione
  5. Il tempo e le fasi della pressione
  6. a conoscere il corpo del ricevente nelle posizioni di trattamento prona e supina

SHEN DO NO KATA ( ex Tai Ju No Kata)

forma grazie alla quale si impara:

  1. a perfezionare il principio base dello shiatsu, cioè per effettuare pressione non si usa la forza derivante dalla contrazione muscolare, ma si rilascia il peso e lo si “porta” attraverso lo sbilanciamento all’intensità adeguata per il ricevente.
  2. l’uso del corpo per spostarsi e pressare ( attraverso la posizione seiza, dell’arciere e del samurai)
  3. l’uso del secondo  e principale strumento pressorio, il pollice, nelle diverse combinazioni accostato,  sovrapposto e in relazione.
  4. a pressare non seguendo il vettore della gravità
  5. la forma corretta di respirazione
  6. Il tempo e le fasi della pressione
  7. a conoscere e praticare  sul corpo del ricevente nelle posizioni di trattamento prona, supina e laterale
  8. la tecnica della doppia pressione, pollice mobile-pollice fisso.
  9. a individuare le zone di trattamento principali secondo lo schema dei percorsi energetici

STUDIO DEI MODELLI CULTURALI

Occidentali

Approccio Sistemico relazionale e tecniche di intervento

Approccio Psicofisiologico e tecniche d’intervento

Complessità e Pragmatica della comunicazione umana e tecniche d’intervento

Orientali

Medicina tradizionale cinese e tecniche d’intervento

Modello Taoista e tecniche d’intervento

Oltre queste due forme verranno proposte in base alla consapevolezza e necessità del gruppo e alla sensibilità culturale dell’istruttore varie forme di lavoro con se stessi derivate da altre pratiche come lo yoga, la bioenergetica, il feldenkrais, propriocettivity, il training autogeno, il do in, la meditazione e svariate altre tecniche di consapevolezza somatica.

Contattaci per parlare con noi

Siamo convinti che nulla possa sostituire un dialogo quando si deve prendere una decisione così importante come quella di formarsi, quindi l’invito che vi rivolgiamo, se avete l’intenzione di intraprendere questa via, è quello di contattarci e venire a trascorrere un’ora con noi per conoscerci, parlare, avere informazioni, vivere l’atmosfera della nostra scuola, ricevere almeno 10 minuti di trattamento. Se davvero volete imparare cominciate a compiere il primo passo, uscite dal virtuale e venite a vivere l’emozione dell’incontrarsi. Vi aspettiamo

Lascia una risposta